03 febbraio 2013

A proposito di spese militari

La puntata sull'inquinamento di Brescia andrà in onda dopo le elezioni: dopo questa puntata, nelle prossime due domeniche (per la campagna elettorale e il calendario delle tribune elettorali) sarà Ballarò a prendere il posto di Servizio pubblico.
Ma l'argomento di questa sera è molto importante: si parla di spese militari, ovvero quella parte del bilancio pubblico di solito poco pubblicizzata da ministri e Parlamento, che assorbe centinaia di miliardi di euro.

Lo sapete che ancora non sappiamo quanto andremo a spendere per il programma di acquisto dei caccia F35? Si tratta di quegli aerei da combattimento che devono stare alla larga dai fulmini.
Sono quelli che, si dice, siano importanti per il nostro programma di ammodernamento militare. E che avranno importanti ricadute dal punto di vista occupazionale. Comunque, ci sono già impegni, mica vorremmo tirarci indietro proprio noi italiani ..
A queste ultime due certezze, hanno risposto i giornalisti Duccio Facchini, Michele Sasso e Francesco Vignarca nel loro libro edito da Chiarelettere “Armi, un affare di Stato”. Nel capitolo “F35 : il caccia dello spreco ” spiegano come non ci sia ancora nulla di formato, possiamo ancora tornar indietro come han fatto altri paesi (il Canada). E i posti di lavoro creati saranno poche centinaia.
A Cameri, a Novara, saranno costruite 18 ali per i F35: al momento, in questo stabilimento che è costato allo stato 680 milioni, sono impiegati 150 persone. Alenia, l'azienda che fa parte della Joint-venture, prevede di assumere 2300 persone. Ma per la Difesa servono solo 700 dipendenti. Ma è tutto da dimostrare. E molte delle persone impiegate per il progetto Eurofighter (il caccia europeo affossato proprio dall'F35) rimarranno a spasso.
Ne vale la pena, allora, affrontare questo progetto, di fronte alle decine di miliardi di costi?

Lo sapete che questo governo, quello che ha tagliato i soldi per l'assistenza ai malati di Sla, alle università, ha messo a piano circa 200 miliardi di euro per la riforma della Difesa? Sono altri soldi pubblici, sottratti appunto a scuola, ricerca, università, sanità, che verranno usati per i programmi di spesa militari dei prossimi anni.
Non lo sapevate?

L'Italia ripudia la guerra, come strumento per dirimere controversie. Eppure, la guerra e le armi sono un “affare di stato”. Siamo forti nella produzione di armi leggere, ma anche elicotteri, navi, mezzi blindati.
Affari dove sovente capita di imbattersi in tangenti internazionali, come pensano i magistrati per la vendita di navi da parte di Finmeccanica all'India.

La le armi, e il loro uso, hanno anche altri strascichi velenosi: questa sera i giornalisti di Presa diretta andranno a vedere cosa è successo al poligono sardo di Quirra. Lo sapete che qui in Sardegna è in corso un processo per disastro ambientale?

Sul caccia F35 adesso (dove forse è troppo tardi) si registrano dei passi indietro: Berlusconi oggi si dichiara scettico su questo progetto.

“Quando si parla di difesa e di scelte di strumenti militari bisogna evitare di cadere nelle risposte facili e qualche volta un po' populiste” - dice il presidente del Consiglio Monti, che scarica poi le responsabilità sulla scelta del F35 sui governi precedenti (D'Alema e Berlusconi).
Certo, è molto facile tacciare gli altri di qualunquismo, ed evitare di rispondere alle domande. E' veramente utile questa spesa? Chissà cosa ne pensano gli esodati, gli operai dell'Ilva, quelli dell'Alcoa, i malati che non avranno assistenza, i giovani senza lavoro.


La scheda della puntata, Spese militari – di Riccardo Iacona, Liza Boschin e di Raffaella Pusceddu
Affronteremo il tema dell’acquisto degli F35, che sono sia caccia intercettori che caccia bombardieri, prodotti negli Stati Uniti dalla Lockheed Martin.
Gli F35 sono aerei capaci di trasportare arme nucleari. E' il sistema d’arma più costoso del mondo. L’Italia ha deciso di comprare 90 F35 nelle sue varie versioni. Spenderemo per questo acquisto 13 miliardi subito, la spesa salirà fino a 40 miliardi se calcoliamo quelli che saranno i costi di esercizio e di manutenzione nel corso dei prossimi anni.
Il Canada, l’Olanda, L’Australia e la Turchia hanno deciso di sospenderne l’acquisto perché gli F35 costano troppo e sempre di più e hanno grandi problemi tecnici.Presadiretta” manderà in onda un esclusivo reportage realizzato negli Stati Uniti dove sono state sollevate fortissime critiche dall’establishment sia democratico che repubblicano sul progetto F35.
PRESADIRETTA è andata anche a vedere da vicino la drammatica situazione dei poligoni e delle servitu’ militari in Sardegna. Le nostre telecamere erano presenti al tribunale di Lanusei in provincia di Olbia proprio quando si stava svolgendo l’udienza preliminare per il presunto disastro ambientale. Per la prima volta in Italia un procuratore della Repubblica, il giudice Domenico Fiordalisi ha chiesto il rinvio al giudizio dei comandanti del poligono di Quirra per omesso controllo e per disastro ambientale.
A PRESADIRETTA vedrete le conseguenze sul territorio di Quirra di 50 anni di esercitazioni militari. SPESEMILITARI è un racconto di, Riccardo Iacona, Liza Boschin e di Raffaella Pusceddu

1 commento:

Alice Molteni ha detto...

Ciao
Mi chiamo Alice, navigando sulla rete ho trovato il tuo sito. Mi è piaciuto tantissimo il tuo blog! Ho trovato dei post molto interessanti, complimenti! Bel lavoro, per questo mi piacerebbe includere il tuo blog nei miei siti (http://scaricasubitogratis.blogspot.com, winportal e la directory italdir) in modo che i miei utenti possano raggiungere facilmente il tuo sito e così aumentare anche il numero di visite. Per me è sufficiente un collegamento a uno dei miei blog.
Se sei interessato fammi sapere via e-mail per spedirti il nome del sito e l'URL.

PD: il mio e-mail è: alice23molteni@gmail.com