06 febbraio 2013

Una risata lo seppellirà?



Alla fine è servito un comico per rispondere ad un altro comico, putroppo per noi, prestato alla politica da venti anni a mai più restituito.
L'intervento di Crozza ieri sera a Ballarò, prima del cavaliere originale (ma c'è differenza?) è stato geniale.

“Giova, mi consenta, grazie della gnocca e della frutta trovata in camera ma sono cambiato. Non mangio più frutta” e continua “che figata, la campagna elettorale. Mi davano tutti per morto, invece ho detto 5 cazzate in 3 giorni e ora tutti si fanno le paranoie”. Che gli vuoi dire? E continua dando indicazioni: “Giova, ora facciamo così: mi fai sedere, ma prima pulisco la sedia, e poi mi togli quel vecchio da là, che sembra il nonno di Elisa di Rivombrosa, e ci metti la gnocca in terza fila”.  E inaugura il nuovo inno: “Tenetevi il resto, Italiani”.
E ancora "Bobo, vuoi le tasse al nord? ma cosa ti han fatto di male le Cayman?".
Il Financial Times lo attacca? "Ma quante copie vende Chi? E quante copie vende il Financial Times?".

Eccolo qua, il vero volto del Berlusconi che regala soldi agli italiani: mica sono soldi suoi. Ma perché c'è ancora qualcuno che pensa che B. faccia politica per difendere gli interessi degli italiani? Gli interessi del paese? Ma veramente ci sono ancora persone ingenue che pensano che verserà i soldi in contanti per l'Imu prendendoli dall'accordo con la Svizzera?

Ieri sera ho seguito la prima parte di Ballarò, e ho provato una certa tristezza per il povero Bobo, che pure ha cercato di difendere queste bufale.
L'accordo si può fare entro marzo "volere è potere". Ma poveri illusi, i soldi in Svizzera non ci sono più: che accordo volete fare?

E' tutto uno scherzo, una grande illusione: almeno qualche cosa, in questa campagna elettorale si è chiarita. Il PDL è di nuovo il PDL di Berlusconi, lo stesso del 1994, del 2001, del 2006 e del 2008. Non è cambiato: condoni, leggi ad personam, spesa pubblica impazzita, spot elettorali buoni per gli allocchi (i rifiuti di Napoli, l'Aquila ricostruita, la privatizzazione de l'Alitalia..).
Ma anche nel centro sinistra si è fatta chiarezza: complice la paura di B., Bersani e Monti han sancito il patto di Berlino.
E dopo il voto si arriverà alla naturale alleanza.

Questo rende più semplice, per gente come me, scegliere chi votare.
A questo punto, una nuova manovra, la riforma dello statuto dei lavoratori, un ritocco alle pensioni (lavoro attivo), non sono più una ipotesi del prossimo governo, ma quasi una certezza.

E pensare che la cronaca di questi giorni darebbe molti spunti alla politica e alle agende.
La corte dei conti parla di "corruzione sistemica" che blocca l'economia: non i sindacati o l'articolo 18. Significa che la riforma Severino va pesantentemente rafforzata. I corrotti non solo non vanno ricandidati, ma devono andare in galera.
Basta condoni: le proposte di B. devono essere irricevibili. Chi evade il fisco, per somme ragguardevoli, crea un danno sociale alla comunità.
Perché sono loro la causa dell'aumento delle tasse. Iniziamo a dare la caccia agli evasori, ai fondi neri, ai paradisi fiscali, ad aumentare le pene.
Le banche: l'azione di responsabilità degli azionisti di Fonsai contro i Ligresti; l'inchiesta su Mps, l'anomimo inviato a Consob e alla Gabanelli che, diversamente dall'authority di vigilanza, ha fatto il suo dovere di giornalista.
I soldi ai partiti: non basta dire di voler togliere i finanziamenti. In Germania i partiti prendono i soldi pubblici e non ci sono grossi scandali. Come mai? Perchè c'è una rendicontazione trasparente e un controllo sui partiti e sulle spese che funziona.


Tutti i partiti parlano di una riduzione della spesa pubblica come strumento per recuperare soldi con cui abbassare le tasse. Bene, ma nessuno dice quale è la spesa da tagliare. I costi di palazzo chigi, del Senato e della Camera?
I costi delle spese militari? Per le grandi opere?
Un modo per abbattere i costi del pubblico sarebbe quello di contrastare le mazzette. Hai visto mai che anche in Italia si riesca un giorno a costruire una linea di metrò, un tratto di autostrada coi costi europei?
L'emergenza lavoro: basterà la flessibilità in entrata a creare posti di lavoro? O forse si dovrebbero abbassare le tasse, oggi altissime, che gravano sul lavoro?
Le politiche per la famiglia: perchè non se ne vanno in nord Europa per imparare qualcosa? Asili nidi, scuole pubbliche all'avanguardia, una sanità che funziona, congedi parentali di qualche mese per i papà (e non giorni).

Una cosa è certa: tutti assieme, i programmi elettorali dei partiti costano 180 miilardi di euro. Per fortuna che assieme non potranno più governare come nei mesi passati.

1 commento:

Alice Molteni ha detto...

Ciao
Mi chiamo Alice e gestisco una directory Web e un blog. Mi è piaciuto tantissimo il tuo blog! Ho trovato dei post molto interessanti, complimenti! Bel lavoro, per questo mi piacerebbe includere il tuo blog nei miei siti (http://scaricasubitogratis.blogspot.com, winportal e la directory italdir) in modo che i miei utenti possano raggiungere facilmente il tuo sito e così aumentare anche il numero di visite. Per me à sufficiente un collegamento a uno dei miei blog.
Se sei interessato fammi sapere via e-mail per spedirti il nome del sito e l'URL.
PD: il mio e-mail è: alice23molteni@gmail.com